Comunicato stampa del 18 marzo 2022 - Carceri: Con la nomina di Renoldi le polemiche cedano il passo ai fatti

Roma, 18 mar. – “Cogliamo con favore l’avvenuta nomina, nel corso della riunione del Consiglio dei Ministri di ieri e con colpevole ritardo, del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, posto vacante dal 1° marzo, ma di fatto già dal 24 febbraio. Dopo le polemiche che ne hanno accompagnato la designazione, adesso è il momento di dimostrare con i fatti l’impegno a risollevare le sorti dell’Amministrazione e del Corpo di polizia penitenziaria, facendo riemergere le carceri dall’abisso in cui giacciono”.

Lo dichiara Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria, commentando la successione al vertice del DAP, lasciato libero dal prepensionamento di Bernardo Petralia, e deliberata ieri dal Consiglio dei Ministri.

“Naturalmente, ora la procedura di nomina dovrà concludere il suo iter burocratico e perfezionarsi per consentire l’insediamento di Renoldi. Immediatamente dopo, contiamo di poterlo incontrare per consegnargli le nostre analisi e le nostre richieste, a cominciare dal potenziamento degli organici della Polizia penitenziaria, carente per 18mila unità, dalla revisione del modello detentivo, dal ripensamento della gestione dei detenuti affetti da patologie psichiatriche, dal miglioramento delle strutture e delle infrastrutture, dal rafforzamento della sanità penitenziaria, dalla reingegnerizzazione dell’organizzazione complessiva e da molto altro ancora”, aggiunge il Segretario della UILPA PP.

“Per realizzare tutto, naturalmente, il neo Capo DAP dovrà avere il concreto e tangibile supporto della Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, e del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, i quali dovranno promuovere investimenti economici e interventi normativi, pure con carattere d’urgenza, in assenza dei quali è del tutto evidente che Renoldi, così come chiunque altro e così com’è stato con Basentini prima e Petralia dopo, per restare agli ultimi due Capi DAP, potrebbe conseguire ben pochi risultati apprezzabili”, conclude De Fazio”.

Allegati:
Scarica questo file (Stampa - Nomina Renoldi.pdf)Scarica il comunicato stampa[ ]136 kB