polizia penitenziaria top

Comunicato stampa - Roma, 27 luglio -  La violenta aggressione agli agenti del carcere di Noto è ingiustificata, il personale ha sedato la rivolta senza usare violenza pur subendone i danni, ora è l'opinione pubblica che deve sapere” - Armando Algozzino, segretario nazionale Uilpa Polizia Penitenziaria, interviene in merito e a supporto dei quattro agenti di polizia penitenziaria aggrediti mercoledì intorno alle 19 da alcuni detenuti, riportando vistose ferite e fratture. Gli agenti sono stati visitati all'ospedale di Avola.

 

La veritàprosegue il sindacalistaè che oggi il personale di polizia penitenziaria è impegnato con un organico ridotto, subisce aggressioni in quasi tutti gli istituti d'Italia e quasi giornalmente e nonostante le infinite denunce non è mai stata varata una legge che preveda pene più severe per chi colpisce, aggredisce e ferisce i rappresentanti dello Stato. Quanto avvenuto alla casa di reclusione di Noto non è solo un'aggressione al personale, è un'aggressione allo Stato. Tony Perez, coordinatore Uilpa Polizia Penitenziaria della casa di reclusione di Noto, è intervenuto non appena avvisato in emergenza e con un comportamento esemplare è riuscito, con fatica, a far rientrare i detenuti e identificare gli aggressori. Il personale ha agito con professionalità, senza reazioni e uso della forza, che avrebbero potuto far degenerare ancora di più la situazione. Però confido che chi ha il dovere di intervenire, e la politica ha una precisa responsabilità, lo faccia finalmente e in maniera decisa per prevenire quanto avviene ogni giorno all'interno delle carceri”.

 

Cosa scatena le violenze in carcere? “Manca il rispetto reciproco fra i ristretti e chi ha la responsabilità dell'ordine e della sicurezza dell'istituto, la verità è che dopo la chiusura degli Opg (ospedali psichiatrici giudiziari), che avevano personale specializzato, ormai gli istituti sono pieni di detenuti psichiatrici e non si è fatto nulla per contenere questo tipo di detenuti che creano problemi non solo al personale, ma anche agli altri detenuti. Chiediamo che i responsabili vengano subito allontanati immediatamente dalle sedi in cui sono ristretti in altre carceri, bisogna intervenire così sanno a cosa vanno incontro già prima che avvenga un'aggressione” conclude il sindacalista.

 

Intervista di Maria Elena Quaiotti.

articolo di stampa su La Sicilia

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Giovedì, 10 Febbraio 2022 09:03

Comunicato stampa - ROMA, 10/02/2022 – “Questa notte è accaduto nel carcere di Monza. Un detenuto di origine tunisina, trentatré anni, avrebbe finito di scontare la pena nel dicembre del 2024, ha...

Venerdì, 14 Gennaio 2022 14:58

Edizione locale del TG di Antenna Sud 85 dedicata alle notizie della provincia di Brindisi. {youtube}https://youtu.be/K0uQabStWN8{/youtube}

Sabato, 19 Marzo 2022 10:21

Leggi qui l'articolo -

Mercoledì, 09 Febbraio 2022 12:46

Comunicato stampa - ROMA, 09/02/2022 – “In merito all’iscrizione nel registro degli indagati della Direttrice e di un appartenente al Corpo di polizia penitenziaria in servizio presso il Carcere di...

Martedì, 11 Gennaio 2022 11:17

Ascolta qui l'intervento del Segretario Generale Gennarino De Fazio Nel pomeriggio di oggi, in video-conferenza, si è tenuto il confronto fra le Amministrazioni (DAP e DGMC) e le Organizzazioni...

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto