polizia penitenziaria top

CARCERI: EVASO DETENUTO DA PENITENZIARIO COSENZA, CACCIA ALL'UOMO = Cosenza, 19 mag. - (AdnKronos)
Un detenuto nordafricano di 30 anni è evaso dal carcere di Cosenza questa mattina. L'uomo, non è chiaro ancora come, è riuscito a scavalcare entrambe le recinzioni del carcere, quella dell'area per i 'passeggi' e quella perimetrale. Sono immediatamente scattate le ricerche dell'evaso e sono stati istituiti posti di blocco in tutta la città ad opera delle Forze dell'Ordine. "L'evasione del nordafricano la dice lunga sulle condizioni di emergenza nelle carceri - ha detto all'Adnkronos Gennarino De Fazio Segretario Nazionale Uilpa Polizia Penitenziaria - e su un governo che non affronta questa emergenza. Le carceri vivono un sovraffollamento cronico con un organico di agenti penitenziari insufficiente e con aggressioni di agenti quotidiane e disordini. E lo Stato non interviene di fronte a questa situazione di estrema emergenza, anzi introduce misure più rigide che le strutture non sono in grado di reggere".
(Giz-Cro/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 19-MAG-19 11:35 NNN

 


COSENZA - Una caccia all'uomo durata per alcune ore e una città militarizzata. Poi in serata l'epilogo. E' stato ripreso il detenuto evaso dal carcere di Cosenza nella prima mattinata. Si tratta di Amadou Coulibally, ventenne del Mali, in carcere per rissa e lesioni gravi. Accuse relative a un ferimento avvenuto durante una rissa in un centro di accoglienza nel salernitano. Era arrivato nell'istituto penitenziario cosentino proprio stamani, proveniente da Reggio Calabria.

Dopo l'allarme era scattata una caccia all'uomo con posti di blocco in tutta la città da parte di carabinieri e polizia. Nel centro storico le ricerche sono state effettuate anche con l'ausilio di un drone.  Le modalità dell'evasione - sulle quali c'è uno stretto riserbo - sono ancora oggetto di indagine da parte dei carabinieri che vogliono chiarire nel dettaglio cosa sia successo per riferire alla Procura della Repubblica che ha aperto un'indagine. Secondo le prime ricostruzioni l'uomo avrebbe approfittato di un momento di distrazione degli agenti della Polizia penitenziaria per salire sul tetto di un edificio e da lì scavalcare il muro di cinta. Coulibally è stato individuato ebloccato nelle vicinanze del fiume Crati, nella stessa zona in cui era stato avvistato nel pomeriggio mentre si gettava da un ponte per sfuggire alle forze dell'ordine. Proprio per questo le ricerche si sono concentrate nella zona. In  serata la conclusione positiva delle ricerche. Il giovane aveva indosso gli stessi abiti che aveva al momento dell'evasione.

Fonte: Repubblica.it

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

La tua email con noi?
Clicca qui è gratis!

Qui le Istruzioni per l'uso

 

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto