polizia penitenziaria top

Six inmates die as prison riots over coronavirus rules grip Italy

Prisoners revolt over new measures to contain the coronavirus outbreak in Italy, where jails are often overcrowded.

Measures imposed in Italy's jails to contain the country's coronavirus outbreak, the worst outside China, have ignited tensions among inmates across the country.

By Monday, protests had been reported at 27 different sites across the country, and six people had been pronounced dead after clashes on Sunday at the Saint Anna penitentiary in Modena, in one of the so-called "red zones" under quarantine in Italy.

hile authorities await autopsy results to comment on the cause of deaths, prison administration sources reported overdoses following a break into the prison infirmary. Two victims died after they were transferred to Alessandria and Verona on Monday.

Also early on Monday, a prison break was attempted in Foggia, in the southern region of Apulia, where dozens of people managed to escape.

Protests and riots broke out in several prisons over the weekend, beginning on Saturday in Salerno near Naples, where about 200 detainees vandalised the first floor of the building before barricading themselves on the roof, according to local media reports.

Demonstrations then spread to the nearby Poggioreale prison, as well as Pavia, Frosinone, Vercelli, Alessandria, Foggia and Modena, among others. 

If coronavirus were to hit Italy's often overcrowded prisons, it would pose major health and logistical challenges.

Prison administrations across the country have implemented restrictions, including a ban on family visits and leave permits.

The number of infections in Italy shot up by 25 percent on Sunday to more than 7,000, with deaths soaring by 133 in a day to 366, according to the civil protection agency.

The majority of cases are in Lombardy and other northern and central regions, where 16 million people have been placed under quarantine.

On March 7, Prime Minister Giuseppe Conte signed off on a series of recommendations to prisons.

These include limiting release of temporary license and probation to avoid detainees' movement, while also endorsing house arrest where possible. Face-to-face visits in all but exceptional cases were recommended to be banned and held instead by phone or Skype.

"A series of restrictions were gradually introduced in prisons, especially in the red zones but also across Italy, alongside preventive measures," Alessio Scandurra, a managing board member at prisoners' rights association Antigone, told Al Jazeera.

The protests coincided with other new rules such as the closure of all schools across Italy, the country most affected by coronavirus after China. Iran has also faced a severe outbreak in terms of infections and deaths, and the Islamic Republic on Monday announced the release of 70,000 prisoners.

"Yesterday's protests [in Italy] were due on the one hand to the fear of contagion, and on the other hand, to the restrictions imposed. Some detainees are asking for an amnesty as the only way they can avoid contagion and avoid isolation," Scandurra explained.

The organisation argues that as restrictions are imposed, other rules should be loosened, such as allowing prisoners to make video calls more regularly.

Some protests have seen prisoners attempt vandalism, while others were more violent.

In Pavia, prisoners took two officers hostage, according to reports. In Modena, inmates barricaded themselves inside the facility and reportedly set fire to mattresses. Videos of the incident show anti-riot police armed with batons attempting to enter the building, as smoke billows out.

In some cases, relatives of the inmates staged protests outside the prisons.

Protests and riots broke out in several prisons over the weekend, beginning on Saturday in Salerno near Naples, where about 200 detainees vandalised the first floor of the building before barricading themselves on the roof, according to local media reports.

Demonstrations then spread to the nearby Poggioreale prison, as well as Pavia, Frosinone, Vercelli, Alessandria, Foggia and Modena, among others. 

If coronavirus were to hit Italy's often overcrowded prisons, it would pose major health and logistical challenges.

Prison administrations across the country have implemented restrictions, including a ban on family visits and leave permits.

The number of infections in Italy shot up by 25 percent on Sunday to more than 7,000, with deaths soaring by 133 in a day to 366, according to the civil protection agency.

The majority of cases are in Lombardy and other northern and central regions, where 16 million people have been placed under quarantine.

On March 7, Prime Minister Giuseppe Conte signed off on a series of recommendations to prisons.

These include limiting release of temporary license and probation to avoid detainees' movement, while also endorsing house arrest where possible. Face-to-face visits in all but exceptional cases were recommended to be banned and held instead by phone or Skype.

"A series of restrictions were gradually introduced in prisons, especially in the red zones but also across Italy, alongside preventive measures," Alessio Scandurra, a managing board member at prisoners' rights association Antigone, told Al Jazeera.

The protests coincided with other new rules such as the closure of all schools across Italy, the country most affected by coronavirus after China. Iran has also faced a severe outbreak in terms of infections and deaths, and the Islamic Republic on Monday announced the release of 70,000 prisoners.

"Yesterday's protests [in Italy] were due on the one hand to the fear of contagion, and on the other hand, to the restrictions imposed. Some detainees are asking for an amnesty as the only way they can avoid contagion and avoid isolation," Scandurra explained.

The organisation argues that as restrictions are imposed, other rules should be loosened, such as allowing prisoners to make video calls more regularly.

Some protests have seen prisoners attempt vandalism, while others were more violent.

In Pavia, prisoners took two officers hostage, according to reports. In Modena, inmates barricaded themselves inside the facility and reportedly set fire to mattresses. Videos of the incident show anti-riot police armed with batons attempting to enter the building, as smoke billows out.

In some cases, relatives of the inmates staged protests outside the prisons.

In a letter to Antigone seen by Al Jazeera, a concerned wife wrote: "Should the virus make its way to those cold walls, it would be the end. My husband has health problems, the prison is small and there are twice as many people staying there as it's made for. One falling ill would be enough to infect the rest of the inmates." 

Another prisoner's wife wrote: "I hope that [the authorities] will soon take more effective decisions like sending them home. My husband only has seven months left ... a lot of other people like myself are feeling anxious and worried."

'Problem is overcrowding, not coronavirus'

According to Antigone's yearly report, at 120 percent their capacity, Italian prisons are the most overcrowded in Europe. Forty-two prisons across the country have an overcrowding rate of over 150 percent.

Al Jazeera contacted the Modena prison and the Ministry of Justice for comment, but had not received a response by the time of publication.

"I am well aware that an emergency such as the coronavirus can create tensions within prisons, but our aim with these measures must be made clear: it is our duty to protect the health and those who work and live in our penitentiaries," Alfonso Bonafede, justice minister, told reporters.

Gennarino de Fazio, the national secretary of UILPA, a prison police officers' union, called for a national meeting led by the prime minister.

"We are in an emergency situation in different parts of Italy," De Fazio told Al Jazeera. "These are critical situations that have caused existing problems to come to the surface. It is only the tip of the iceberg."

"The problem is not the coronavirus. Overcrowding, organisational issues and decay are the problem. We worry about the spread of the coronavirus, but there are other illnesses already present due to a malfunctioning health system and unsanitary conditions."

SOURCE: Al Jazeera News

 

FONTE: Notizie di Al Jazeera

--- traduzione ---
Sei detenuti muoiono durante le rivolte in prigione per le regole del coronavirus in Italia
I prigionieri si ribellano a nuove misure per contenere l'epidemia di coronavirus in Italia, dove le carceri sono spesso sovraffollate.

Le misure imposte nelle carceri italiane per contenere l'epidemia di coronavirus del paese, la peggiore fuori dalla Cina, hanno innescato tensioni tra i detenuti in tutto il paese.

Lunedì erano state denunciate proteste in 27 diversi siti in tutto il paese e sei persone erano state dichiarate morte dopo gli scontri di domenica al penitenziario di Sant'Anna a Modena, in una delle cosiddette "zone rosse" sotto quarantena in Italia.

le autorità attendono i risultati dell'autopsia per commentare la causa delle morti, fonti dell'amministrazione carceraria hanno riferito di sovradosaggi a seguito di una rottura nell'infermeria della prigione. Due vittime sono morte dopo essere state trasferite ad Alessandria e Verona lunedì.

Sempre all'inizio di lunedì è stata tentata una pausa carceraria a Foggia, nella regione meridionale della Puglia, dove decine di persone sono riuscite a fuggire.

Proteste e rivolte sono scoppiate in diverse carceri durante il fine settimana, iniziando sabato a Salerno vicino a Napoli, dove circa 200 detenuti hanno vandalizzato il primo piano dell'edificio prima di barricarsi sul tetto, secondo i media locali.

Le manifestazioni si estesero poi al vicino carcere di Poggioreale, nonché a Pavia, Frosinone, Vercelli, Alessandria, Foggia e Modena, tra gli altri.

Se il coronavirus dovesse colpire le carceri spesso sovraffollate dell'Italia, porterebbe grandi sfide sanitarie e logistiche.
Le amministrazioni penitenziarie in tutto il paese hanno implementato restrizioni, incluso il divieto di visite familiari e permessi di congedo.

Il numero di infezioni in Italia è aumentato del 25 percento domenica a oltre 7.000, con decessi che aumentano di 133 in un giorno a 366, secondo l'agenzia di protezione civile.

La maggior parte dei casi si trova in Lombardia e in altre regioni settentrionali e centrali, dove 16 milioni di persone sono state poste in quarantena.

Il 7 marzo, il primo ministro Giuseppe Conte ha firmato una serie di raccomandazioni per le carceri.

Questi includono la limitazione del rilascio della licenza temporanea e della libertà vigilata per evitare il movimento dei detenuti, sostenendo anche gli arresti domiciliari ove possibile. Si raccomandava che le visite faccia a faccia in tutti i casi, tranne quelli eccezionali, fossero bandite e tenute al telefono o su Skype.

"Una serie di restrizioni sono state gradualmente introdotte nelle carceri, in particolare nelle zone rosse ma anche in tutta Italia, insieme a misure preventive", ha detto ad Al Jazeera Alessio Scandurra, membro del consiglio di amministrazione dell'associazione per i diritti dei detenuti Antigone.

Le proteste coincisero con altre nuove regole come la chiusura di tutte le scuole in tutta Italia, il paese più colpito dal coronavirus dopo la Cina. L'Iran ha anche affrontato un grave scoppio in termini di infezioni e morti, e la Repubblica islamica ha annunciato lunedì il rilascio di 70.000 prigionieri.

"Le proteste di ieri [in Italia] erano dovute da un lato alla paura del contagio e, dall'altro, alle restrizioni imposte. Alcuni detenuti chiedono un'amnistia come unico modo per evitare il contagio ed evitare l'isolamento", Spiegò Scandurra.

L'organizzazione sostiene che, man mano che vengono imposte restrizioni, dovrebbero essere allentate altre regole, come consentire ai detenuti di effettuare videochiamate più regolarmente.

Alcune proteste hanno visto i prigionieri tentare il vandalismo, mentre altri erano più violenti.

A Pavia, i prigionieri hanno preso in ostaggio due ufficiali, secondo i rapporti. A Modena, i detenuti si sono barricati all'interno della struttura e, secondo quanto riferito, hanno dato fuoco ai materassi. I video dell'incidente mostrano la polizia antisommossa armata di manganelli che tentano di entrare nell'edificio, mentre il fumo fuoriesce.

In alcuni casi, i parenti dei detenuti hanno organizzato proteste fuori dalle carceri.

Proteste e rivolte sono scoppiate in diverse carceri durante il fine settimana, iniziando sabato a Salerno vicino a Napoli, dove circa 200 detenuti hanno vandalizzato il primo piano dell'edificio prima di barricarsi sul tetto, secondo i media locali.

Le manifestazioni si estesero poi al vicino carcere di Poggioreale, nonché a Pavia, Frosinone, Vercelli, Alessandria, Foggia e Modena, tra gli altri.

Se il coronavirus dovesse colpire le carceri spesso sovraffollate dell'Italia, porterebbe grandi sfide sanitarie e logistiche.

Le amministrazioni penitenziarie in tutto il paese hanno implementato restrizioni, incluso il divieto di visite familiari e permessi di congedo.

Il numero di infezioni in Italia è aumentato del 25 percento domenica a oltre 7000, con decessi in aumento di 133 in un giorno a 366, secondo l'agenzia di protezione civile.

La maggior parte dei casi si trova in Lombardia e in altre regioni settentrionali e centrali, dove 16 milioni di persone sono state poste in quarantena.

Il 7 marzo, il primo ministro Giuseppe Conte ha firmato una serie di raccomandazioni per le carceri.

Questi includono la limitazione del rilascio della licenza temporanea e della libertà vigilata per evitare il movimento dei detenuti, sostenendo anche gli arresti domiciliari ove possibile. Sono state raccomandate visite faccia a faccia in tutti tranne casi ecc

"Il problema è il sovraffollamento, non il coronavirus"

Secondo il rapporto annuale di Antigone, con il 120% della loro capacità, le carceri italiane sono le più sovraffollate in Europa. Quarantadue prigioni in tutto il paese hanno un tasso di sovraffollamento di oltre il 150 percento.

Al Jazeera ha contattato la prigione di Modena e il Ministero della Giustizia per un commento, ma non aveva ricevuto risposta al momento della pubblicazione.

"Sono ben consapevole che un'emergenza come il coronavirus può creare tensioni all'interno delle carceri, ma il nostro obiettivo con queste misure deve essere chiarito: è nostro dovere proteggere la salute e coloro che lavorano e vivono nei nostri penitenziari", Alfonso Bonafede , ministro della giustizia, ha detto ai giornalisti.

Gennarino de Fazio, il segretario nazionale dell'UILPA, un sindacato degli ufficiali di polizia carceraria, convocò un incontro nazionale guidato dal primo ministro.

"Siamo in una situazione di emergenza in diverse parti d'Italia", ha detto De Fazio ad Al Jazeera. "Queste sono situazioni critiche che hanno fatto emergere i problemi esistenti. È solo la punta dell'iceberg."

"Il problema non è il coronavirus. Sovraffollamento, problemi organizzativi e decadimento sono il problema. Ci preoccupiamo della diffusione del coronavirus, ma ci sono altre malattie già presenti a causa di un malfunzionamento del sistema sanitario e di condizioni antigieniche."

FONTE: Notizie di Al Jazeera

Allegati:
Scarica questo file (stampa_estera.docx)stampa_estera.docx[ ]47 kB
Scarica questo file (stampa_estera.pdf)stampa_estera.pdf[ ]186 kB

Potrebbe interessarti anche:

Mercoledì, 21 Ottobre 2020 09:02

Protocollo prevenzione COVID-19 – II riunione al DAP - Ascolta qui l'intervento del Segretario Generale Gennarino De Fazio.  Si è tenuto in mattinata il secondo confronto fra le...

Martedì, 19 Maggio 2020 09:06

m_dgmc n. 0024289.U del 18.05.2020 - Decreto "rilancio" 14 maggio 2020- Permessi retribuiti ex art. 33 legge 104/92 - proroga incremento giornate per i mesi di maggio e giugno-Facendo seguito...

Lunedì, 04 Maggio 2020 09:54

Nota n. 9571 - Facendo seguito alla nota n. 9551 del 24 marzo 2020 (che si allega in copia) della scrivente Organizzazione Sindacale e diretta al Capo del DAP pro-tempore, nel ribadire l’importanza...

Mercoledì, 01 Aprile 2020 16:03

Proposta di emandamento della UIL -   TITOLO V ULTERIORI DISPOSIZIONI CAPO I ULTERIORI MISURE PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA DERIVANTE DALLA DIFFUSIONE DEL CIV-19 Art. 74 (Misure per la...

Mercoledì, 20 Maggio 2020 22:44

Si trasmette, per opportuna conoscenza, l'Ordine di Servizio 20 maggio 2020 n. 22, del Dirigente Responsabile per la Sicurezza Aziendale, con le misure di prevenzione del rischio cli contagio da...

Mercoledì, 04 Marzo 2020 12:12

Nota unitaria - Egregio Ministro Bonafede, attendiamo ancora un Suo riscontro alla nostra precedente richiesta dal 20 febbraio 2020 con la quale è stato proclamato lo stato di agitazione e...

Lunedì, 09 Marzo 2020 13:07

Comunicato Stampa - ROMA 09/03/2020. “Il caos totale del sistema carcerario che perdura da troppo tempo si è conclamato in queste ore principalmente perché le restrizioni connesse ai pericoli di...

Giovedì, 26 Marzo 2020 16:15

Comunicato stampa - ROMA 26/03/2020 – “E’ di questo pomeriggio, all’ospedale Humanitas di Rozzano (Milano), il secondo decesso per coronavirus nelle file della Polizia...

Lunedì, 24 Febbraio 2020 14:21

Al fine di favorire la puntuale osservanza delle disposizioni contenute.... vedi allegatoGDAP: 0011215

Lunedì, 30 Marzo 2020 11:38

Comunicato stampa -  ROMA 30/03/2020 – “In una situazione normale e in un paese normale, coloro che non fossero stati capaci d’impedire 13 morti, in luoghi protetti per antonomasia, per...

Giovedì, 12 Marzo 2020 14:07

Di seguito le disposizioni ministeriali inerenti l'oggetto e sotto elencate: - DAP Prevenzione del contagio da Coronavirus - disposizioni organizzative gdap n. 00086408 del 13.03.2020 - DAP:...

Mercoledì, 11 Marzo 2020 16:51

Comunicato stampa - ROMA 11/03/2020. “Pure questo poteva essere evitato! Nonostante sul sito del Ministero della Giustizia sia riportata da ore la ‘fake news’ che racconta di proteste ‘esaurite’...

Mercoledì, 01 Aprile 2020 09:44

Nota n. 9559 -  Con riferimento alle numerose categorie di dipendenti pubblici che, in questa situazione di gravissima emergenza sanitaria, sono costretti a recarsi sul posto di lavoro per...

Sabato, 14 Marzo 2020 15:26

Comunicato stampa -  ROMA 14/03/2020. “Non possiamo dire se dietro alle rivolte nelle carceri dei giorni passati vi sia stata una regia che, in qualche misura, almeno in una prima fase, ne...

Lunedì, 09 Marzo 2020 16:29

DICHIARAZIONE DI CARMELO BARBAGALLO SEGRETARIO GENERALE UIL Stiamo vivendo sicuramente una delle fasi più delicate della recente storia del nostro Paese e ciò  che sta accadendo in questi...

Giovedì, 09 Aprile 2020 22:58

GDAP - 0117542 - In segno di vicinanza e sostegno al personale di Polizia penitenziaria che, su indicazione sanitaria, è tenuto a restare in quarantena o in isolamento domiciliare fiduciario nei...

Giovedì, 14 Maggio 2020 08:28

Gdap n. 0160698.U del 13.05.2020 - Con la presente si rende noto che la Regione Lazio con Deliberazione della Giunta Regionale 24 aprile 2020, allo scopo di effettuare una valutazione sulla...

Martedì, 04 Agosto 2020 06:50

Gdap n. 0273729.U del  31.07.2020 -  Si trasmette la Direttiva 30 luglio 2020, firmata digitalmente, recante ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione...

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto