polizia penitenziaria top

In Italy, the economic slowdown will be profound. The damage will be measured not just with supply chain interruptions and lost tourism, but with business closures, spiking unemployment, defaulted loans and the likelihood of major government bailouts. Even before the virus’s arrival, Italy was poised for a recession, and its economy had scarcely grown in 20 years.

Italy is the first country outside Asia to deal with a substantial coronavirus outbreak, but other countries — including Germany and the United States — also have registered a growing number of cases. Italy has become something of a laboratory for how a country can fight the virus and how all normal routine can collapse in a matter of weeks.

Eleven days ago, Italy had roughly 600 cases — same as the United States has now. Germany, France and Spain have all reported more than 1,000 cases.

 

“The contagion’s gait in other [European] countries is similar to Italy’s from a few days ago,” said Ferruccio de Bortoli, the former editor in chief of the Corriere della Sera newspaper. “I think there should be a general alarm, an European awareness of facing an invisible enemy for which of course no treatment or vaccine exists as of yet.”

Some virologists have said that, until a vaccine is created, the virus’s spread can only be slowed through social isolation — by halting the daily patterns of seeing friends and taking trips. Though it is unclear why Italy so rapidly expanded its restriction zone, early data from the initial, small towns that Italy locked down was promising, showing that the measures did slow the virus’s spread.

China, where the virus first erupted, succeeded in decelerating the virus on a far greater magnitude, after imposing rigid controls on 60 million people in Hubei province.

 

In Italy, the greatest resistance to controls has emerged in the form of prison riots. Protests about restrictions on visitors have led to at least one reported instance in which 20 inmates managed to escape. The restrictions — chiefly the suspension of visiting hours and drastically reduced time out of cells — were put in place as a way to reduce the danger of the virus spreading through Italy’s overcrowded prison system.

Those restrictions were the “straw that broke the camel’s back” in places with already-high tensions, said Gennarino De Fazio, a union leader for prison guards.

Fonte: https://www.washingtonpost.com

--- TRADUZIONE ---

In Italia, il rallentamento economico sarà profondo. Il danno sarà misurato non solo con interruzioni della catena di approvvigionamento e perdita di turismo, ma con chiusure di imprese, aumento della disoccupazione, prestiti inadempienti e probabilità di importanti salvataggi governativi. Anche prima dell'arrivo del virus, l'Italia era pronta per una recessione e la sua economia era cresciuta a malapena in 20 anni.

L'Italia è il primo paese al di fuori dell'Asia a fronteggiare un grave focolaio di coronavirus, ma anche altri paesi - tra cui Germania e Stati Uniti - hanno registrato un numero crescente di casi. L'Italia è diventata una sorta di laboratorio per capire come un paese può combattere il virus e come può crollare tutta la normale routine nel giro di poche settimane.

Undici giorni fa, l'Italia aveva circa 600 casi, come negli Stati Uniti. Germania, Francia e Spagna hanno riferito di oltre 1.000 casi.
 

"L'andatura del contagio in altri paesi [europei] è simile a quella dell'Italia di qualche giorno fa", ha dichiarato Ferruccio de Bortoli, ex caporedattore del Corriere della Sera. "Penso che dovrebbe esserci un allarme generale, una consapevolezza europea di affrontare un nemico invisibile per il quale ovviamente non esiste ancora alcun trattamento o vaccino."

Alcuni virologi hanno affermato che, fino alla creazione di un vaccino, la diffusione del virus può essere rallentata solo attraverso l'isolamento sociale, interrompendo gli schemi quotidiani di vedere amici e fare viaggi. Sebbene non sia chiaro il motivo per cui l'Italia abbia così rapidamente ampliato la sua zona di restrizione, i primi dati dalle prime piccole città che l'Italia ha bloccato erano promettenti, dimostrando che le misure hanno rallentato la diffusione del virus.

La Cina, dove il virus è scoppiato per la prima volta, è riuscita a rallentare il virus su una portata molto maggiore, dopo aver imposto controlli rigidi su 60 milioni di persone nella provincia di Hubei.
 

In Italia, la più grande resistenza ai controlli è emersa sotto forma di rivolte in prigione. Le proteste sulle restrizioni ai visitatori hanno portato ad almeno un'istanza segnalata in cui 20 detenuti sono riusciti a fuggire. Le restrizioni - principalmente la sospensione dell'orario di visita e la riduzione drasticamente dei tempi di fuoriuscita dalle celle - sono state messe in atto come un modo per ridurre il pericolo che il virus si diffondesse attraverso il sistema carcerario sovraffollato dell'Italia.

Quelle restrizioni erano la "goccia che ha spezzato il dorso del cammello" in luoghi con tensioni già elevate, ha affermato Gennarino De Fazio, leader sindacale della Polizia Penitenziaria.

Potrebbe interessarti anche:

Martedì, 21 Aprile 2020 12:18

Una storia senza fine, quella che sta vivendo attualmente nelle carceri italiane. Troppi sono i silenzi assordanti del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, nella gestione emergenza...

Venerdì, 18 Settembre 2020 12:07

GADP 0020177 - Al fine di garantire il massimo rispetto delle disposizioni dirette ad evitare ogni qualsivoglia forma di diffusione del contagio del corona virus "COVID-19", assumendo tutte le ormai...

Martedì, 10 Novembre 2020 22:58

GDAP: 0404111 - 0401366 -  Si comunica alle SS.LL. che è stata assicurata a questa Amministrazione,dal Commissario Straordinario per l'emergenza Covid 19 Dr. Domenico Arcuri, la fornitura di...

Venerdì, 13 Novembre 2020 11:45

Nota n. 9724 - Com’è noto, il Protocollo Quadro per la Prevenzione e la Sicurezza nei luoghi di lavoro in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19 sottoscritto fra DAP, DGMC e Organizzazioni...

Giovedì, 23 Luglio 2020 11:32

GDAP: 0263435 - Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, recante "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza...

Giovedì, 20 Agosto 2020 13:20

Nostra nota 9635 - Gentile Presidente,  la ripresa più o meno ordinaria delle consuete attività penitenziarie (colloqui in presenza, traduzioni, attività trattamentali e scolastiche, etc.),...

Venerdì, 13 Novembre 2020 21:48

GDAP: 0406440 - In questo momento di rinnovata emergenza sanitaria e di particolare difficoltà del Paese, il sistema penitenziario è chiamato nuovamente a fronteggiare e contenere il rischio contagi...

Mercoledì, 08 Aprile 2020 15:44

m_dgmc n.0019178.U dell'8.04.2020 - Questo Dipartimento ha sempre posto la massima attenzione alla tutela del personale e, sin dall'inizio dell'emergenza epidemiologica in atto, ha istituito...

Giovedì, 08 Ottobre 2020 07:49

gdap n. 0022225.Id dell'8.10.2020 - 

Giovedì, 19 Marzo 2020 17:37

gdap n. 0093752.U del 19.03.2020 - Con decorrenza immediata e in applicazione delle disposizioni di cui ai DPCM  9 e 11 marzo 2020, si dispone la chiusura dei bar spaccio presenti negli...

Mercoledì, 20 Maggio 2020 22:44

Si trasmette, per opportuna conoscenza, l'Ordine di Servizio 20 maggio 2020 n. 22, del Dirigente Responsabile per la Sicurezza Aziendale, con le misure di prevenzione del rischio cli contagio da...

Lunedì, 09 Marzo 2020 13:07

Comunicato Stampa - ROMA 09/03/2020. “Il caos totale del sistema carcerario che perdura da troppo tempo si è conclamato in queste ore principalmente perché le restrizioni connesse ai pericoli di...

Martedì, 31 Marzo 2020 09:24

Decreto legge 17 marzo 2020, n.18 recante ''Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno eco11omico per famiglie, lavoratori ·e imprese connesse all'emergenza...

Martedì, 17 Novembre 2020 09:54

Comunicato stampa - ROMA 17/11/2020 – “Altro balzo in avanti dei contagi da nuovo coronavirus nelle carceri del Paese. Alle ore 20.00 di ieri sera erano ben 758 fra i detenuti (distribuiti in...

Mercoledì, 01 Aprile 2020 12:18

Comunicato stampa del 1° aprile 2020 Carceri: Telefonate quotidiane ai detenuti? Si investa sulla Polizia penitenziaria! ROMA 01/04/2020 – “Con un emendamento al decreto Cura-Italia, il cui disegno...

Giovedì, 16 Aprile 2020 21:10

RadioCarcere: "Covid19 e Carceri" - Mentre triplicano i contagi tra detenuti e agenti, la politica resta immobile. Ospiti: Giovanni Bianconi giornalista de il Corriere della Sera, Fabio...

Martedì, 24 Marzo 2020 18:03

Nota n. 9552 - Stanno pervenendo numerose segnalazioni circa operatori del Corpo di polizia penitenziaria che si troverebbero posti in quarantena o in isolamento volontario, in quanto possibili...

Venerdì, 23 Ottobre 2020 09:40

Comunicato stampa - ROMA 23/10/2020 – “E’ stata raggiunta stamani, in videoconferenza, l’intesa per la condivisione di un protocollo sanitario per la prevenzione e il contenimento dei rischi da...

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto