polizia penitenziaria top

Nostra nota 8838 - Si è appreso che il sistema informatizzato di gestione del servizio degli operatori del Corpo di polizia penitenziaria, meglio noto (rectius: ignoto) come “GUSWEB”, inibirebbe l’attribuzione cumulativa dell’indennità notturna (art. 10, 1° c., DPR n. 395/95 e succ. modd.) e della maggiorazione dell’indennità oraria di missione (art. 6, 3° comma, DPR n. 254/99 e succ. modd.).

Quanto sopra, ove confermato, apparirebbe del tutto illegittimo e si configurerebbe come un’evidente e grave violazione contrattuale, atteso che divieti di cumulo sono statuti esclusivamente per la maggiorazione dell’indennità oraria di missione con il lavoro straordinario (art. 6, 3° comma, DPR n. 254/99) e per l’indennità notturna con quest’ultimo (art. 4, 3° c., DPR n. 734/73 e art. 6, 2° c., DPR n. 146/75).

Peraltro, non si vorrebbe che il tutto fosse attribuibile a un equivoco correlato alla circostanza che la più volte richiamata maggiorazione dell’indennità oraria di missione viene in gergo e impropriamente denominata “straordinario passivo” (atteso il predetto divieto di sommare l’indennità notturna con il lavoro straordinario).

Per quanto rappresentato e ferma restando l’irrinunciabile esigenza di addivenire a un confronto complessivo sul sistema GUSWEB, che per l’ennesima volta si sollecita formalmente, si prega la S.V. di voler disporre le necessarie verifiche e, se del caso, di intervenire anche personalmente per quanto di competenza al fine di scongiurare ogni rischio di danno economico –anche sotto forma mero ritardo – per gli operatori, che attesa la situazione contingente sarebbe pure beffardo.

Nell’attesa di un cortese e urgentissimo riscontro, molti cordiali saluti

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Contatore siti