Ascolta qui l'intervento del Segretario Generale Gennarino De Fazio

È proseguito nel tardo pomeriggio di oggi il confronto in sede tecnica per il rinnovo del CCNL del comparto sicurezza.

Come di consueto, presenti, per il Dipartimento della Funzione Pubblica, il Cons. Gallozzi e il Dott. Talamo, nonché i rappresentanti delle Amministrazioni interessate (il Dott. Parisi e altri dirigenti del suo ufficio per il DAP).

In detta occasione, la discussione si è particolarmente concentrata sulla prospettazione del Dipartimento della Funzione Pubblica circa l’adeguamento economico di alcune indennità, tra cui, si riportano le più significative:

  • Indennità di missione: importo attuale= € 20,45 – ipotesi importo adeguato= € 24,00;
  • Limite rimborso per un pasto: importo attuale= € 22,26 – ipotesi importo adeguato= € 30,55;
  • Limite rimborso per due pasti: importo attuale= € 44,26 – ipotesi importo adeguato= € 61,10;
  • Indennità di compensazione: importo attuale= € 8,00 – ipotesi importo adeguato= € 16,00;
  • Indennità oraria notturna: importo attuale= € 4,10 – ipotesi importo adeguato= € 4,60;
  • Indennità festiva: importo attuale= € 12,00 – ipotesi importo adeguato= € 14,00;
  • Indennità superfestiva: importo attuale= € 40,00 – ipotesi importo adeguato= € 45,00;
  • Indennità 41-bis: importo attuale= € 12,00 – ipotesi importo adeguato= € 16,00.

La UILPA Polizia Penitenziaria ha preliminarmente ribadito che le risorse economiche disponibili dovrebbero essere per la massima parte destinate all’adeguamento della parte fissa della retribuzione.

Di seguito, tanto più che non sono stati ancora esattamente quantificati i costi (e dunque l’incidenza sulle risorse stanziate) degli aumenti prospettati, ha nuovamente chiesto che vengano fornite le tabelle da cui si possa desumere anche l’incidenza delle diverse indennità per ogni Forza di Polizia e Forza Armata.

Con questa premessa, ha altresì auspicato che si possano incrementare ulteriormente gli importi indicati e, particolarmente, per l’indennità oraria notturna, per l’indennità festiva e per l’indennità superfestiva, ma anche dell’indennità per servizi esterni (quest’ultima non contemplata nell’ipotesi della Funzione Pubblica).

Per quanto concerne l’indennità di compensazione, è altresì necessario che sia legata a un tempo di programmazione del servizio contrattualmente codificato (se non si programmano per tempo il servizio e il riposo, quest’ultimo non verrà mai revocato!).

Ancora, ha chiesto che alcune indennità riconosciute (e aumentate) solo alla Polizia di Stato vengano genericamente riconosciute (con gli aumenti) anche alla Polizia penitenziaria: sarà vero che attualmente i servizi che danno luogo a quelle indennità non vengono espletati dalla Polizia Penitenziaria, ma potrebbe essere diversamente per il futuro.

Inoltre, la UILPA Polizia Penitenziaria ha ribadito la richiesta di prevedere un’indennità di sezione da corrispondere agli appartenenti al Corpo impiegati nelle sezioni detentive. 

Peraltro, pure a riguardo del riconoscimento delle diverse indennità, la UIL ha reiterato l’invito a diramare disposizioni di coordinamento che ne uniformino l’interpretazione fra le diverse Amministrazioni e all’interno delle stesse da sede in sede (si pensi all’indennità per servizi esterni, al computo a tutti gli effetti nell’orario di lavoro dei tempi impiegati per i pasti in occasione dei servizi di missione e non, etc.).

Dopo lunga discussione, il confronto è stato aggiornato a una nuova data.

Per i dettagli del principale intervento della UIL si rimanda alle registrazioni audio disponibile online.

Allegati:
Scarica questo file (CCNL 2019-2021 - 28-10-21.pdf)Scarica l'Ultim'Ora[ ]159 kB