polizia penitenziaria top

Ultim'ora -  Nella giornata di oggi è stata convocata la commissione di Garanzia per discutere sulle vertenze di seguito elencate:
1° CASO PROPOSTO DALL’O.S. SINAPPe – “C.C. PADOVA”: La richiesta era fatta per l’annullamento della delibera della Commissione Arbitrale Veneto - Friuli Venezia Giulia e Trentino alto Adige del 20/02/2020, la CC di Padova emanava interpello per addetto presso Ufficio matricola e non provvedeva nel contempo ad indire interpello per coordinatore del medesimo ufficio. La delibera CAR era priva di motivazione e pertanto la votazione è stata in favore alla “VIOLAZIONE” per mancata motivazione con rinvio degli atti alla Commissione arbitrale.
2° CASO PROPOSTO DALL’O.S. UIL – “PRAP CINOFILI”: La richiesta era fatta per la mancata convocazione della commissione arbitrale del PRAP Lombardia, per non aver convocato in quanto il provveditore sosteneva che il ricorso era inammissibile. SI E' DECISO PER “VIOLAZIONE” con rinvio degli atti, confermando quanto fatto in riunioni precedenti anche in altri casi simili, la decisione dell’ammissibilità spetta alla commissione e non al Sig. Provveditore.
3° CASO PROPOSTO DALL’O.S. CISL-FNS – “C.C. CASTELVETRANO”: Il caso è stato rinviato su richiesta del delegato CISL in quanto impossibilitato alla partecipazione della riunione di oggi.
4° CASO PROPOSTO DAL DIRETTORE DELLA CC FROSINONE: La richiesta era fatta per l’annullamento della delibera della Commissione Arbitrale in merito al piano ferie estivo del personale di Polizia Penitenziaria anno 2018. La questione era stata già discussa e aveva visto la votazione in parità, anche oggi la votazione si è chiusa in parità e pertanto è stato necessario un ulteriore ed ultimo rinvio per la discussione. La votazione ha visto tutta la parte sindacale compatta votando per il non accoglimento del ricorso presentato dal Direttore della Casa Circondariale di Frosinone. Noi come UIL abbiamo sostenuto il non accoglimento del ricorso in quanto legittimare decisioni assunte senza un accordo crea un precedente pericoloso e limiterebbe sicuramente il diritto sindacale. La questione è stata rinviata e si chiederà alla Direzione proponente del ricorso se sia ancora interessata alla discussione del caso in considerazione anche del fatto che è trascorso troppo tempo.
5° CASO PROPOSTO DALL’O.S. UILPA – SINAPPe - USPP “Lombardia”: La richiesta era fatta per l’annullamento gli articoli contestati del regolamento della commissione Arbitrale Regionale della Lombardia. SI E' DECISO DI REVOCARE LA DISCUSSIONE DEL CASO in quanto la materia del contendere è cessata e il regolamento CAR è stato già modificato.
6° CASO PROPOSTO DALL’O.S. USPP - “FESI 2021 Lombardia”: La richiesta era fatta affinché la commissione di garanzia si potesse esprimere sulla non corrispondenza dell’accordo decentrato del PRAP ai principi dettati dall’Accordo Nazionale FESI 2021. A maggioranza il ricorso è stato rigettato votando per la NON VIOLAZIONE.
7° CASO PROPOSTO DALL’O.S. SAPPe - “C.C. Trento per errata interpretazione di quanto previsto negli accordi pattizi -indizione interpelli per sostituti”: La richiesta era fatta per l’annullamento della delibera della Commissione Arbitrale per il Triveneto del 12/08/2020. La delibera CAR era priva di motivazione e pertanto la votazione è stata in favore alla “VIOLAZIONE”.
UN ABBRACCIO FRATERNO A TUTTI
Calogero Marullo

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto