polizia penitenziaria top

ULTIM’ORA 3 FEBBRAIO 2017 - FESI DAP - LA REPLICA DELLA UIL AL SAPPE

Non è nostro uso entrare nel merito dei comunicati di altre OO.SS. ma in questo caso vogliamo fare un eccezione in ragione del fatto che per giustificare il proprio agire il sappe del Lazio cerca, mistificando la realtà, di screditare ciò che noi abbiamo scritto.

Non sappiamo se mentono sapendo di mentire o se non sanno leggere ciò che c’è scritto nel nostro comunicato ma qualche precisazione va fatta:

1. Noi non abbiamo definito scandaloso il pagamento del FESI al personale del DAP ma per una serie di “incarichi e cifre” diverse “rispetto a coloro che lavorano al DAP in servizi operativi assimilabili a quelli svolti in istituto” tra i quali evidentemente rientrano quelli da loro citati;
2. Abbiamo appunto definito scandalose le cifre perché rispetto alle “diverse e più disagevoli condizioni di lavoro negli istituti” (ritenute tali anche dal sappe) le cifre destinate al DAP sono di gran lunga superiori a quelle pagate in carcere;
3. Abbiamo contestato quelle cifre, che sono state possibili grazie ad una distorsione del metodo di calcolo che abbiamo spiegato ma che evidentemente per qualcuno è stato difficile comprendere, perché presso gli uffici centrali su un organico previsto di 1.179 unità per effetto di quel calcolo sbagliato risulta che 1.127 svolgono servizi rientranti nell’art.34 del regolamento di servizio (nei PRAP ci sembra sia nettamente diverso);
Per concludere diciamo che “meschino e deplorevole” non è certo il nostro di comportamento e non è a noi che devono dar conto ma bensì ai loro iscritti (ai nostri lo spieghiamo noi).
Devono spiegare perché un festivo in matricola non percepisce nulla o quasi e presso l’ufficio detenuti al DAP 12 €; devono spiegare perché una notte in carcere percepisce, quando va bene, pochi euro e al DAP una media di 7 € e così via per i turni serali e per tutto il resto.

QUESTO E’ SCANDALOSO !!!! e non l’aver retribuito i colleghi del DAP che svolgono un lavoro utile e importante ED E’ QUESTO CHE METTE ZIZZANIA TRA I COLLEGHI CONTRAPPONENDO CHI STA IN CARCERE RISPETTO A CHI NON CI STA’ !!!! Non certo quello che dice la UIL.

Su una cosa conveniamo con il sappe “se ognuno facesse il proprio dovere con deontologia e senso di responsabilità le cose andrebbero un pochino meglio per tutti”

APPUNTO !!! COMINCIATE A FARLO ………..  F.to Il Coordinatore Regionale Aggiunto Simona Tuzi

E-Mail (@polpenuil.it)

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto