polizia penitenziaria top

DA TEMPO, AFFERMA IL SEGRETARIO REGIONALE DOMENICO DE BENEDICTIS, AVEVAMO ALLERTATO GLI ORGANI COMPETENTI, FINANCHE IL PREFETTO DI SALERNO E I MAGISTRATI DI SORVEGLIANZA, DI QUESTO DELICATISSIMO PROBLEMA DI ORDINE PUBBLICO INTERNO ALL’ISTITUTO, MA NESSUNO CI HA ASCOLTATO, L’UNICO RISULTATO SORTITO FINO AD ADESSO, E’ STATO L’IMMOBILISMO TOTALE. QUESTO POMERIGGIO INFATTI, CONTINUA IL LEADER REGIONALE, NELLA CIRCONDARIALE SALERNITANA UN DETENUTO DI ORIGINI MACREBINE, SENZA MOTIVO ALCUNO, SI E’ SCARAVENTATO CONTRO TRE ASS.TI CAPO DI POLIZIA PENITENZIARIA, PROVOCANDOGLI DIVERSE FRATTURE, TRA CUI, ROTTURA DEL SETTO NASALE, FRATTURA AL POLSO E CONTUSIONE ALLA GAMBA. SOLO GRAZIE AL TEMPESTIVO INTERVENTO DI ALTRI AGENTI IN SERVIZIO (PER FORTUNA, CONSIDERANDO LA CRONICA CARENZA DI ORGANICO) CHE SONO RIUSCITI A BLOCCARE IL DETENUTO, PRESO DA UNO STATO D’IRA INCONTROLLABILE IN REGIME DI DETENZIONE APERTA INSIEME AD ALTRI RISTRETTI, ALL’INTERNO DELLA SEZIONE. PURTROPPO, CONTINUA IL LEADER REGIONALE, ANCHE LA C.C. DI SALERNO, COME GLI ALTRI ISTITUTI DELLA REGIONE CAMPANIA, STA VIVENDO UN MOMENTO STORICO DRAMMATICO, PERCHE LA POPOLAZIONE DETENUTA SI DIMOSTRA CONTINUAMENTE AVVERSA ALLE REGOLE PENITENZIARIE, VIOLANDO CICLICAMENTE, QUEL PATTO DI RESPONSABILITA’ BENEFICIARIO DEL REGIME APERTO, MA NONOSTANTE TUTTO LA SOSTANZA NON CAMBIA, IL REGIME APERTO RIMANE TALE E IL BUONISMO FA DA PADRONA, CONDIZIONANDO DI FATTO, QUELLE CHE SONO LE DINAMICHE OPERATIVE UTILI AL RIPRISTINO DELL’ORDINE E LA SICUREZZA DELL’ISTITUTO.LA UIL PA POLIZIA PENITENZIARIA, RESTA FERMA NELLA CONVINZIONE, CHE A SEGUITO DI TUTTI QUESTI EVENTI, E’ INDISPENSABILE UN CAMBIAMENTO DI ROTTA NELL’IMMEDIATO, GARANTENDO DI FATTO, UN REGIME APERTO SOLO A QUELL’UTENZA CHE DIMOSTRA RESPONSABILITA’ E RIATTIVANDO CIRCUITI CHIUSI, PER TUTTI QUELLI CHE SI RENDONO ATTORI DI VIOLAZIONI DELLE REGOLE PENITENZIARIE, ESATTAMENTE COME PREVISTO DALLA NORMATIVA VIGENTE E RENDENDO PIU’ CELERI I TRASFERIMENTI PER ORDINE E SICUREZZA, NOTA DOLENTE CHE LA DIREZIONE DI SALERNO SI TRASCINA DA TEMPO. SOLO GRAZIE AL GRANDE SPIRITO DI SACRIFICIO E SENSO DEL DOVERE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA, CHE NELL’ISTITUTO SALERNITANO LA SITUAZIONE NON E’ IMPLOSA ANCORA, ANCHE SE IL PERSONALE E’ ORAMAI STANCO, DEMOTIVATO E SOPRATTUTTO, AVVERTE QUEL SENSO DI ABBANDONO DA PARTE DELLE ISTITUZIONI. GLI EPISODI DI DISORDINE CONCLUDE DE BENEDICTIS, SONO DIVENTATI QUOTIDIANI ED INCONTROLLABILI PER CUI, SONO NECESSARI NELL’IMMEDIATO, INTERVENTI CONCRETI PER FERMARE QUESTA VORAGINE CHE SI E’ APERTA IN UN SISTEMA LAVORATIVO ORAMAI PROSSIMO AL COLLASSO.

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

La tua email con noi?
Clicca qui è gratis!

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto